Camminare per dimagrire efficace sì, ma se fatto bene

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pocket

Tabella dei Contenuti

Quante volte hai sentito dire che bisogna andare a camminare per dimagrire?

Sarà, però mi capita spesso di vedere un sacco di persone in giro a camminare, tante delle quali in sovrappeso. La domanda allora è: hanno iniziato da poco a muoversi, o camminare per dimagrire non è efficace? Magari è efficace ma stanno semplicemente sbagliando qualcosa?

bruciare calorie
bruciare calorie

L’idea sbagliata

Purtroppo siamo sempre alla ricerca della formula magica che ci risolve tutti i problemi senza fatica.

Lo facciamo con l’alimentazione cercando un prodotto che ci permetta di perdere peso nel giro di pochi giorni e lo facciamo con l’attività fisica pensando che attivandoci un solo giorno una volta ogni due settimane ci permetta di dimagrire.

Diciamolo subito, il camminare per dimagrire non serve a niente se non lo fai costantemente e se non lo abbini a una giusta alimentazione.

Sai quanto grasso si brucia a camminare?

esiste una formula molto semplice:

kg*km/20

esempio:

70 kg * 5 km /20 = 17,5 gr di grasso in circa un’ora di attività. Ovvero nemmeno due cucchiai d’olio.

Pro e contro del camminare

Il nostro corpo è progettato per muoversi, ed è progettato per farlo attraverso il cammino.

L’atto del camminare ha un sacco di vantaggi che sicuramente avrai sentito centinaia di volte.

Ci permette di scaricare la tensione, stimola la circolazione, contrasta l’osteoporosi, stimola la peristalsi intestinale ecc.Questi sono tutti benefici apprezzabili nel breve periodo.

Benefici che otteniamo ogni qualvolta camminiamo.

Altre frasi trite e ritrite sono che il camminare ci aiuta a rimanere in forma, a tenere sotto controllo i valori di glicemia, colesterolo, pressione e peso.

Pur essendo informazioni corrette, bisogna precisare che questi benefici, sono conseguenza di qualsiasi attività fisica aerobica, fatta in maniera regolare. Ed è proprio questo il punto fondamentale che spesso sfugge ai più.

Per avere benefici a livello di dimagrimento, il camminare deve essere visto come un’attività fisica aerobica vera e propria, e come tale deve essere svolta in maniera regolare e costante almeno 3 volte a settimana.

Essendo la camminata la cosa più naturale che c’è, viene consigliata al posto di altre attività semplicemente perchè può essere eseguita da tutti.

Mentre il correre per dimagrire può essere consigliato a chi è già dotato di un certo allenamento, la camminata chiunque abbia l’uso degli arti inferiori può farla. C’è da dire tuttavia, e questa è forse l’unica eccezione, che per i soggetti in forte sovrappeso anche il gesto semplice e naturale del camminare può essere difficoltoso e risulta essere particolarmente stressante per le articolazioni, ne parlo anche qui.

camminare diverso da passeggiare
camminare diverso da passeggiare

Come camminare per dimagrire

Abbiamo detto che per ottenere un dimagrimento attraverso il camminare, questo dev’essere visto come una vera e propria attività fisica.

Deve perciò:

  • essere svolto almeno tre volta a settimana
  • avere una durata non inferiore all’ora
  • essere eseguito a passo rapido
  • se possibile variare il tipo di percorso

Camminare diverso da passeggiare

Mi dispiace deluderti, ma se tu sei uno di quelli che pensa che andare a passeggiare per le vie del centro la domenica, sia un buon modo per tener sotto controllo il peso, stai sbagliando.

La camminata è diversa dalla passeggiata. A differenza del passeggiare, il camminare deve essere fatto senza soluzione di continuità, cioè non devi mai fermarti.

Un buon allenamento, perchè anche il camminare è a tutti gli effetti un allenamento, per essere tale deve durare almeno un’ora, in modo da percorrere almeno 5-6 km.

Per ottenere dei buoni risultati di dimagrimento, il minimo indispensabile è farlo tre volte a settimana, e mentre due volte resta ancora accettabile, purché la sessione duri leggermente di più, una sola volta è invece inutile ai fini del dimagrimento.

Preferire i sali e scendi

In aggiunta, per incrementare i risultati , puoi alternare tragitti in pianura a camminate che si snodano su percorsi con sali e scendi. Questo ti permetterà oltre che bruciare più calorie, di migliorare il tuo tono muscolare, andando ad aumentare ulteriormente le calorie bruciate quando non fai attività.

Di conseguenza, a parità di alimentazione, dimagrirai più velocemente.

meglio camminare o correre per dimagrire
meglio camminare o correre per dimagrire

Meglio camminare o correre per dimagrire?

La risposta a questa domanda non è univoca, e per farlo bisognerebbe introdurre dei concetti di biomeccanica non sempre di facile comprensione.

Per farla breve, diciamo che dipende.

Ad esempio, il costo energetico della camminata e della corsa a 8 km/h si equivalgono.

Bisogna però valutare molteplici fattori. Se guardiamo la situazione da un punto di vista prettamente calorico e semplificando, a parità di tempo, si brucia di più correndo.

Dobbiamo però considerare che:

aumentando l’intensità dell’attività fisica, cambieranno i tipi di substrati energetici che il nostro corpo utilizzerà per produrre energia. Più sarà alta e maggiore sarà il contributo di carboidrati. Viceversa, diminuendo l’intensità si prediligerà come substrato i lipidi.

Più sei allenato e più il tuo corpo sposterà questa soglia di switch tra carboidrati e lipidi più avanti, permettendoti di utilizzare maggiormente i secondi anche a velocità più alte.

Altro fattore da considerare oltre all’allenamento, è come per il camminare, il peso che hai.

La corsa infatti è un’attività ancora più stressante del cammino per le articolazioni. In linea teorica, possiamo dire che più sei in sovrappeso e meno stress dovrai creare alle tue articolazioni, preferendo quindi il camminare invece che il correre per dimagrire.

Stesso discorso se arrivi da un periodo di inattività prolungato. In questo caso dovrai preparare le tue articolazioni a sopportare sollecitazioni a cui non è abituato. Concetto già espresso anche nel post su come rimettersi in forma.

Riassumendo molto brevemente su cosa è meglio tra camminare e correre per dimagrire in base a ciò che abbiamo detto, possiamo affermare che mentre la corsa si adatta meglio a soggetti già allenati, la camminata è da preferire nei soggetti in sovrappeso e poco e per nulla allenati.

Entrambi se eseguiti costantemente e abbinati a una corretta alimentazione danno ottimi risultati!

Buona camminata.

0 0 vota
Valutazione Articolo
Iscriviti
Notifica
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Torna su